GNL: la conferma di molte promesse

Solo 5 anni fa lo sviluppo del GNL sembrava un’utopia. Oggi in Italia si contano 35 distributori, 20 impianti civili ed industriali ed oltre 2.000 camion circolanti.

Ve ne parlo nella mia analisi su

Giacomo Fabbri – Vulcangas

Fonte staffettaonline.com

Cinque anni fa, mentre un intero settore industriale già storicamente solido nel campo dell’energia era pronto a diversificare le proprie attività entrando attivamente nella realizzazione di strutture distributive per il GNL, nei tavoli dei congressi più qualificati come quelli di Conferenza GNL – nei quali Assogasliquidi è sempre stata presente e proattiva nel portare il grande interesse dell’industria – ci si confrontava affannosamente sull’amletica questione attendendo che l’Europa concedesse fondi per far partire gli investimenti, che il Governo varasse piani di sviluppo delle infrastrutture e che il prodotto iniziasse a confluire sulle nostre coste.

In quel momento molte erano le tematiche aperte, che annebbiavano l’orizzonte rendendo difficile intravedere un percorso ben delineato per lo sviluppo di un settore. Mancavano norme per la costruzione degli impianti, mancavano riferimenti chiari per le fasi autorizzative, mancava, soprattutto, una solida conoscenza delle caratteristiche del GNL.

Non tutto, però, già allora appariva negativo perché attorno al GNL si registrava un entusiasmo contagioso proveniente dall’Europa a cui rispondevano in modo proattivo, e prime fra tutte, le aziende della nostra Associazione.

Proprio grazie al contributo costruttivo fornito da Assogasliquidi alle Amministrazioni competenti, si sono potuti aprire tavoli di lavoro estremamente prolifici che hanno costruito in pochi anni un ambiente normativo chiaro e ben definito dal quale hanno potuto prendere le mosse i primi investimenti nelle infrastrutture di distribuzione del GNL sia per le utenze industriali e civili, sia per quelle stradali.

L’industria non è stata a guardare ed ha dimostrato di saper mettere a frutto le opportunità offerte da un mercato che, pur mostrando un forte potenziale, ancora non esisteva.

In pochi anni la disponibilità di regole chiare per la costruzione degli impianti per GNL ha consentito l’avvio di una stagione di crescita incredibile del settore che ha bruciato le più ottimistiche previsioni passando dal singolo impianto di distribuzione stradale di GNL disponibile nel 2014 agli oltre 35 aperti oggi, a cui si aggiungono la realizzazione di circa 20 impianti civili ed industriali, in crescita, e di alcune reti isolate.

Questi risultati appaiono ancor più interessanti se si considera che il sistema ha acquisito un’accelerazione formidabile anche dal punto di vista della consistenza del parco degli automezzi circolanti che, in pochissimi anni, ha visto il numero di camion alimentati a GNL impennarsi superando velocemente quota 2.000. La crescente richiesta è ben supportata dall’offerta di mezzi che è andata ampliandosi con diversi modelli e versioni che oggi consentono ai trasportatori di attingere ad un paniere variegato.

In un quadro in continua crescita lo sforzo di coordinamento dei principali temi sul tavolo e di corretta divulgazione delle esigenze e delle opportunità legate alla crescita di questa industria è perfettamente coniugato dalla continua e proficua collaborazione tra Assogasliquidi e Conferenza GNL che, per il prossimo anno, congiuntamente a Freight Leader Council, parteciperanno alla stesura di una monografia dedicata alle potenzialità del GNL proprio nel settore dei trasporti pesanti. Questo ulteriore strumento fornirà utili spunti di approfondimento delle caratteristiche e delle potenzialità del combustile mirato direttamente al modo dell’autotrasporto.

Nella catena dell’approvvigionamento del prodotto, anche per l’ultimo anello mancante i passi in avanti sono consistenti grazie alla pubblicazione delle guide tecniche dei Vigili del Fuoco proprio sulla costruzione dei depositi Small Scale (SSLNG), alla cui stesura Assogasliquidi ha attivamente partecipato. Oggi, in un quadro normativo di chiarimento degli aspetti tecnici e di gestione dei depositi, la loro realizzazione subirà una accelerazione certa.

Questo anello congiungerà idealmente la terra al mare consentendo di impiegare pienamente il GNL anche nei trasporti marittimi; a questo ulteriore obiettivo lavora la nostra Associazione in stretta collaborazione con Assoporti, Confitarma e Assoarmatori.

Forse oggi qualcuno ancora sta cercando di capire chi sia l’uovo e chi la gallina, ma nel frattempo, superando le etichette e le classificazioni, il nostro Paese ha saputo dimostrare che l’intraprendenza e l’organizzazione dell’industria, coadiuvata dall’associazione di settore e competentemente supportata dal decisionismo delle pubbliche amministrazioni, può raggiungere livelli che solo cinque anni fa sembravano impossibili ai più.

Joint venture Vulcangas-Rinascita Basket Rimini

RBR, una squadra che darà il 100%, sia in campo che fuori, attrezzata per raggiungere gli obiettivi e i sogni di una “comunità” intera, la nuova tribù dei canestri biancorossi. Il tutto partendo da organizzazione, territorialità e motivazioni forti, che sono alla base dei valori di Rinascita Basket Rimini.

Ci siamo anche noi come parte attiva di questo progetto di rilancio di un movimento, dice il nostro amministratore delegato, Giacomo Fabbri:
“Il progetto c’era stato presentato da tempo dagli amici Colombo e Maggioli, lo abbiamo condiviso subito perché crediamo che le imprese abbiano un dovere sociale sui territori nei quali  insistono. Dare una mano ad una società sportiva che parte dalla valorizzazione dei giovani è ampiamente nelle nostre corde, abbiamo sostenuto da sempre l’avviamento dei ragazzi nello sport, anche a livello formativo – spiega l’imprenditore – . Mi hanno chiesto di entrare nel CDA, ringrazio per l’opportunità che mi è stata data e sono onorato di poter seguire così da vicino questa iniziativa della quale, ripeto, siamo stati convinti fin da subito. Come Vulcangas, infatti, non vediamo credito-debito tra le aziende e i territori, ma secondo noi c’è un dovere, coniugato con le possibilità, di aiutare per quanto possibileil territorio. Si tratta di essere partecipi della vita di un territorio nel quale si è inseriti, e per il quale bisogna fare qualcosa. L’impresa, quindi, deve dare una mano perché è attore importante della città”.

TUTTI I COMPONENTI DEL CdA RBRGiacomo Fabbri CdA RBR
Paolo Maggioli (presidente)
Moreno Maresi (vice-presidente)
Paolo Carasso (amministratore delegato)
Davide Turci
Massimo Colombo (Coser)
Ermanno Pasini (Garden Sporting Center)
Giosuè Boldrini (Studio Boldrini)
Roberto Fabbri (Dulca)
Stefano Francioni
Alessandro Pesaresi (Pesaresi Costruzioni)

Vulcangas e la “Coppa del Mondo di Beach Ultimate”

Per il week-end di Pasqua Rimini è stata presa d’assedio dai dischi volanti del Paganello, evento sponsorizzato da Vulcangas, la Coppa del Mondo di Beach Ultimate, ovvero lo sport del frisbee giocato sulla sabbia.Paganello vulcangas rimini

La Coppa del Mondo di Beach Ultimate è un evento fatto di sport, feste e cosmopolitismo con centinaia di atleti provenienti da tante nazioni diverse, occasione unica per incontrare il mondo sulla spiaggia.
Contemporaneamente alle gare di frisbee si sono svolte anche quelle dell’Acrobatic Paganello Freestyle Challenge 2018, che tra le varie discipline del frisbee è sicuramente la più spettacolare e creativa, grazie alle esibizioni dei freestylers, piene di salti, lanci e numeri spettacolari a tempo di musica.
La kermesse mondiale del frisbee si è aperta la sera del venerdì con il tradizionale Welcome Party sulla spiaggia, è proseguita il sabato e la domenica con le partite giocate su 15 campi lungo la spiaggia, e si è chiusa lunedì 2 Aprile con le finali disputate nell’Arena centrale davanti al folto pubblico seduto sulle tribune del Paga.

Inoltre tutti hanno avuto la possibilità di approcciarsi a questi bellissimi sport, emulando i campioni in campo e testando le proprie capacità sulla spiaggia con la disponibilità dei ragazzi della LSDF (libera società del frisbee di Rimini).

Vulcangas e GUS forniscono attrezzature e dotazioni informatiche per le scuole di Pieve Torina

PIEVE TORINA – Tablet e casse acustiche per l’Istituto Comprensivo “Mons. Paoletti” di Pieve Torina donate da Vulcangas e GUS. La consegna questa mattina alla fiduciaria Rosella Giglioni da parte di Roberto Monsignor di Vulcangas e dagli operatori GUS Marta Cristianini e Antonio Renzo.

Le scuole per i piccoli comuni sono il cuore pulsante del tessuto sociale. In particolare per i piccoli borghi dell’Alto maceratese, duramente colpiti dagli eventi sismici che si sono succeduti da agosto a gennaio.

Per questo Vulcangas, azienda attiva da 40 anni nel settore della distribuzione di Gpl, ha voluto dare il suo contributo per dare sostegno e nuova linfa alle scuole di Pieve Torina, con l’obiettivo di permettere ai giovani studenti e agli insegnanti di ripartire con più forza dopo i drammatici giorni del terremoto.

Preziosa la collaborazione con il GUS Gruppo Umana Solidarietà, tra le prime associazioni intervenute nelle aree colpite dal sisma con i Centri di ascolto ancora oggi attivi, dall’Alto maceratese ai comuni dell’ascolano, fino alle strutture alberghiere che ospitano le famiglie terremotate.

Società Italiana Gas Liquidi

Gruppo Umana Solidarietà “G. Puletti”

gus

Vulcangas jv per il deposito GNL di Livorno

Vulcangas sempre più per il GNL. L’idea è in elaborazione da tempo (http://www.ship2shore.it/it/porti/anche-livorno-avra-il-suo-hub-gnl_66826.htm). Ora arriva anche la formalizzazione del veicolo societario per la realizzazione di un deposito costiero di GNL a Livorno.

Nei giorni scorsi è stata infatti costituita la newco Livorno LNG Terminal, partecipata con quote paritetiche da Costiero Gas Livorno, una joint-venture tra Enifuel e Liquigas (società attiva nella distribuzione di GPL), e Neri Vulcangas Investimenti, joint-venture tra Neri Depositi Costieri e Società Italiana Gas Liquidi – Vulcangas (anch’essa operante nella distribuzione di GPL).

Vulcangas convegno Verso i combustibili alternativi

Combustibili alternativi tra pratiche virtuose già in essere e prospettive di sviluppo: la parola ai costruttori, alle aziende e agli esperti. A Bologna, grazie alla collaborazione di Tper che insieme al Cifi e alla rivista Autobus completa il terzetto di realtà promotrici dell’iniziativa, venerdì 29 settembre si è tenuto il convegno “Verso i combustibili alternativi?”. L’evento si è tenuto nella sala multimediale Tper di via Saliceto 3.

 

Guarda lo speak completo qui: https://www.youtube.com/watch?v=IzlZuSjjQGs

Io lavoro e guido sostenibile… la strada dei combustibili alternativi

Oggi le Istituzioni, le Case Costruttrici, le Compagnie Petrolifere e i Retisti sono fortemente coinvolti nel cercare nuove strade per la mobilità sostenibile…. Strade fatte di un mix differente di tecnologie come:
slide1 vulcangas mobilità sostenibile

In questa direzione dono state definite le linee guida nel “DIRECTIVE ALTERNATIVE FUEL INITIATIVE(D.A.F.I.)”.
L’obiettivo di questo documento è ridurre l’impatto ambientale nei trasporti via mare e su strada e lanciare uno sviluppo competitivo dei diversi settori.

Letteralmente l’articolo 1 del decreto di recepimento della direttiva dichiara:
«al fine di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore dei trasporti, il presente decreto stabilisce i requisiti MINIMI per la costruzione di infrastrutture per i combustibili alternativi, INCLUSI punti di ricarica per veicoli elettrici e i punti di rifornimento di Gas Naturale Liquefatto e compresso, idrogeno e gas di petrolio liquefatto, da attuarsi mediante il Quadro Strategico Nazionale […omissis…]»

Sebbene le diverse tecnologie siamo parimenti trattate nel DAFI, queste meriterebbero una profonda disamina per capire come possano, singolarmente e sinergicamente prese, soddisfare gli obiettivi ad esse stesse rimessi…

Tale disamina non può essere fatta in modo approfondita in questa sede per motivi di tempo e di pertinenza. Ci limiteremo a dare solo ragione di alcuni aspetti basilari.

La carenza di infrastruttura per il carburante elettrico e per l’idrogeno porta come univoca conseguenza quella di intraprendere l’unica strada, realmente pronta a raccogliere la sfida che le è stata assegnata……

Questa strada risulta certamente essere in massima parte occupata dal prodotto metano ed in modo minore dal prodotto GPL in quanto tencologicamente maturi e infrastrutturalmente ottimamente posizionati….. Di questi solo il metano si presta a soddisfare l’esigenza di penetrare i settori navali e del trasporto pesante.

Vulcangas GNL-160° – Punto vendita RIMINI COLONNELLA

Nel 2013 abbiamo deciso di investire nello sviluppo del settore del GNL/LNG (gas naturale liquefatto), che consideriamo la naturale evoluzione del nostro mercato di riferimento del GPL, acquisendo in poco tempo le capacità ed il Know-how necessario per creare la nostra filiera completa, gestita interamente e direttamente da Società Italiana Gas LiquidiS.p.A. – Vulcangas.

 

Grazie al supporto di Vulcangas, Il “Porto dei Piccoli Onlus” sbarca in Emilia

L’Associazione “Il Porto dei Piccoli” ONLUS si è proposta di portare le proprie attività ludico-didattiche ai bambini e i ragazzi dai 3 ai 18 anni, in cura presso i reparti di pediatria e le neuropsichiatria dell’azienda AUSL dell’Emilia Romagna, con lo scopo di ricreare uno spazio dedicato al gioco durante la degenza e la malattia.

I laboratori attivati offrono un contributo fondamentale non solo per il soggetto che vive l’esperienza del ricovero, ma anche per la famiglia, che acquisisce in questo modo uno strumento di supporto, e per lo staff medico, che ha la possibilità di svolgere le procedure terapeutiche in un clima più sereno e favorevole. Le attività sono svolte da operatori e volontari appositamente formati, che intrattengono i bambini e le loro famiglie, nelle sale giochi, nei Day Hospital o nelle singole stanze delle diverse Unità Operative, con attività che spaziano dalla biologia, all’arte, alla musica, al teatro. Il Porto dei Piccoli organizza, attraverso il progetto dedicato “Esplorazione & Avventura“, anche una serie di attività all’esterno dei reparti, per offrire ai bambini che trascorrono periodi di cura all’interno delle varie strutture, un’occasione di svago educativo da condividere con tutta la famiglia.

 

Progetto dall’Anna Editore “100 progetti Italiani”

Società Italiana Gas Liquidi S.p.A. “Vulcangas”, azienda leader nel settore della distribuzione di G.P.L. sia ad uso domestico sia ad uso autotrazione, da oltre 40 anni lavora costantemente per poter offrire i migliori servizi ai propri clienti. Il rispetto per la natura è uno dei valori identitari di Vulcangas, e gli investimenti in ricerca e innovazione hanno spinto l’azienda riminese ad aprire la divisione delle energie rinnovabili e più recentemente quella del Gas Naturale Liquefatto (GNL).

In Società Italiana Gas Liquidi S.p.A., lavoriamo da sempre con i gas GPL ad uso combustione ed autotrazione, e, negli ultimi anni, abbiamo creato la divisione per lo sviluppo e la costruzione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Da oltre quarant’anni distribuiamo energia pulita ed il marchio Vulcangas è diventato sinonimo di efficienza, qualità e rispetto per l’ambiente. L’energia del futuro è quella che offriamo da sempre, perché in oltre quarant’anni di storia, l’azienda si è costantemente mossa seguendo i binari della sostenibilità ambientale e della ricerca. Anche nel mondo degli idrocarburi si può, anzi si deve, operare con questa sensibilità, con l’occhio attento al futuro e quindi alla natura. Vulcangas ha scolpito questi concetti nella sua cultura aziendale, costruendo un sistema di valori condiviso da tutte le persone del gruppo che, col loro lavoro quotidiano in tutta Italia, contribuiscono a diffonderlo.

Il GPL e il GNL sono un’alternativa ecologica e versatile, ed hanno un elevato rendimento termico, ecco perché Vulcangas li ha scelti e ha investito in ricerca per ridurre l’impatto ambientale in ogni passaggio della filiera di questi prodotti. Dalla produzione allo stoccaggio, dalla consegna fino alla vendita, sono state individuate le migliori tecnologie per rendere il GPL ed il GNL combustibili sempre più puliti. Inoltre, proprio per promuovere una mobilità green e moderna, l’azienda si è direttamente impegnata per incentivare l’utilizzo del GPL in alternativa alle benzine e al diesel. Una conversione possibile su ogni tipo di motore: dall’auto allo scooter, fino alle imbarcazioni.

Vulcangas è una realtà che occupa dipendenti in buona parte d’Italia, e che nel ramo autotrazione possiede numerosi distributori a marchio proprio.

In Vulcangas l’aspetto umano viene prima di tutto, perché la nostra filosofia è che soltanto dopo i buoni rapporti si possono creare condizioni di lavoro ottimale.

2016_09_Vulcangas_SedeTorriana_©DiegoDePol_00181-Modifica

progetti italiani vulcangas

Confindustria Romagna: eletti i vertici della delegazione territoriale riminese

La delegazione riminese di Confindustria Romagna  presieduta da Simone Badioli (Aeffe), ha eletto due vicepresidenti, Giacomo Fabbri (Società Italiana Gas Liquidi) e Alberto Ioli (Saigi Scarl) e quattro consiglieri: Laura Fincato (Airiminum 2014), Rosella Giordano (Poste Italiane), Annunziato Matrà (Trenitalia – Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane), Roberto Patumi (Webit).

“La nuova governance di Confindustria Romagna, avviata con l’assemblea generale del 27 ottobre scorso, si sta completando – commentano Paolo Maggioli Presidente di Confindustria Romagna e Simone Badioli Presidente della
delegazione riminese. Oggi segniamo un ulteriore passo importante dopo le elezioni della delegazione di Ravenna e dei presidenti delle sezioni merceologiche”.

Tutti i neo-eletti della delegazione entrano a far parte del Consiglio generale dell’Associazione e affiancheranno la presidenza della delegazione territoriale nella definizione delle linee strategiche e progettuali per la provincia di Rimini.

“Con la fusione non si è persa la sensibilità ai temi d’interesse locale, la delegazione d’imprenditori riminesi sarà impegnata nel tenere i rapporti con le istituzioni locali e nel lavorare affinché siano valorizzate le eccellenze del territorio e risolte le problematiche che ne rallentano lo sviluppo nel quadro più ampio dell’area vasta Romagna”.

L’Assemblea elettiva di delegazione che si è tenuta martedì 21 febbraio 2017, è stata l’occasione per fare il punto sulle tematiche territoriali di maggiore interesse.

Nel comunicato stampa ufficiale le linee programmatiche:

 

Assogasliquidi, Fabbri Giacomo ai vertici

Giacomo Fabbri, amministratore delegato del Gruppo Vulgangas di Poggio Torriana di  Rimini, azienda leader nel settore della distribuzione di GPL e GNL sia ad uso domestico sia ad uso autotrazione, è stato nominato presidente del Gruppo Merceologico Autotrazione. Con questo diventa anche vicepresidente nazionale di Assogasliquidi. Tutto è stato deciso nell’ assemblea annuale dell’ Associazione di Federchimica che rappresenta le imprese del comparto distribuzione gas liquefatti (Gpl e Gnl) per uso combustione e autotrazione. giacomo fabbri presidente assogasliquidiNel corso dell’ evento sono stati presentati i dati del settore. Nel 2015 il fabbisogno di Gpl è stato pari a 3,3 milioni di tonnellate, di cui 1,7 milioni ad uso combustione e 1,6 ad uso autotrazione. Sono più di 7 milioni le famiglie italiane che si riscaldano, cucinano e producono acqua calda grazie al Gpl, che riesce a raggiungere anche le aree più disagiate del nostro territorio (comunità montane, aree rurali ed isole). Sono 1.750.000 le autovetture alimentate a GPL in circolazione e oltre 3.800 i punti vendita disponibili su tutto il territorio nazionale. Giacomo Fabbri, (nella foto) 43 anni, da oltre 17 anni nel settore, ora avrà il compito di presiedere il settore specifico dell’autotrazione e continuare a gestire la sua azienda. Un’ azienda che prima di tutto mette davanti il  rispetto per la natura. E’ questo uno dei valori identitari di Vulcangas, presente su tutto il territorio nazionale attraverso una rete di filiali opportunamente posizionate per fornire a tutti i clienti un punto di riferimento. Gli investimenti in ri cerca e innovazione hanno spinto l’ azienda riminese ad aprire la divisione delle energie rinnovabili e più recentemente quella del Gas Naturale Liquefatto. Per il settore dell’ autotrazione, Assogasliquidi ha posto l’ accento sulla necessità di implementare politiche di promozione e di sviluppo nell’utilizzo dei carburanti gassosi. Proprio per le basse emissioni di gas climalteranti, estremamente inferiori rispetto ai combustibili tradizionali, sarebbero indispensabili politiche di regolamentazione e di fiscalità – come la revisione della tassazione automobilistica che favoriscano il Gpl e il GNL, anche alla luce della riduzione del prezzo della benzina che ha reso ancora più fragile la domanda di tali prodotti.

Che cos’è il GNL?

Ecco cos’è esattamente il Gas Naturale Liquido (GNL):

Il gas naturale viene definito dalla Norma UNI EN ISO 14532 come una “miscela complessa di idrocarburi, composta principalmente da metano, ma che generalmente include, quantità sensibilmente minori di etano, propano e idrocarburi superiori e alcuni gas non combustibili come ad esempio azoto e anidride carbonica“.

Ciò significa che gas naturale non è sinonimo di metano ma ne eredita gran parte delle caratteristiche chimico-fisiche.

Il GNL è Gas Naturale allo stato Liquido, si tratta di un liquido incolore che viene prodotto per liquefazione del gas naturale per sola refrigerazione a -161 °C (pressione 1,01325 bar).

Il GNL si presenta come un liquido prossimo al punto di ebollizione con una densità circa 600 volte superiore a quella che avrebbe a pressione atmosferica e a temperatura ambiente, il GNL ha le caratteristiche tipiche di una sostanza infiammabile, con la propensione ad incendiarsi ed eventualmente esplodere in determinate concentrazioni in volume con l’aria.

In caso di rilascio accidentale i vapori generati si comportano come una nube densa fino al momento in cui la temperatura della nube si innalza per mescolamento con l’aria.

Una volta riscaldati al di sopra dei -112 °C, essendo più leggeri dell’aria, i vapori possono disperdersi rapidamente in atmosfera soprattutto se in ambiente non confinato.

slide_imprese_gnl_2

Che cos’è il Metano?

Prima di tutto, cos’è il Gas Naturale comunemente chiamato Metano?

E’ l’idrocarburo con la formula più semplice dopo l’idrogeno.

Il Metano dopo l’estrazione non ha bisogno quasi mai di particolari trattamenti e può quindi essere utilizzato direttamente. Ė un IDROCARBURO SEMPLICE usato come CARBURANTE ECOLOGICO in FORTE SVILUPPO COMMERCIALE, che nasce dalla decom800px-methane-crc-mw-3d-ballsposizione anaerobica di sostanze organiche e viene estratto dal sottosuolo.

Alla Temperatura ambiente è un gas ed allo stato naturale è incolore ed inodore.

Il metano (detto anche impropriamente gas di città, essendo quest’ultimo una miscela di più gas) è un idrocarburo semplice (alcano) formato da un atomo di carbonio e 4 di idrogeno; la sua formula chimica è CH4, e si trova in natura stto forma di gas.

La molecola ha forma tetraedrica; l’atomo di carbonio è al centro di un tetraedro regolare ai cui vertici si trovano gli atomi di idrogeno. Una particolare caratteristica dei legami tra carbonio e i 4 atomi di idrogeno è che il carbonio, nel suo stato elettronico fondamentale (non eccitato), presenterebbe solamente due elettroni di valenza, e di conseguenza avrebbe la possibilità di creare solo due legami.Tuttavia il carbonio forma 4 legami con altrettanti atomi di idrogeno. Significa che durante la formazione dei legami il carbonio, che presenta 4 elettroni nel livello orbitale con numero quantico principale pari a 2, un elettrone viene eccitato (venendogli fornita energia) e di conseguenza il carbonio presenterà un elettrone nell’orbitale 2s, uno nel 2px, uno nel 2py e uno nel 2pz (mentre prima avevamo due elettroni nel 2s, uno nel 2px, uno nel 2py e zero nel 2pz). Gli elettroni di valenza sono quindi quattro e non due, ed il carbonio potrà formare 4 legami. Tutto questo è possibile perché la diminuzione di energia del sistema C H H H H che si ottiene con la formazione di 4 legami invece che due è in valore assoluto maggiore dell’aumento dell’energia necessaria a eccitare un elettrone. Di conseguenza l’energia finale del sistema con 4 legami sarà minore dell’energia del sistema con 2 legami, e la prima soluzione verrà “preferita” dal carbonio.

Energia chiavi in mano

Da più 40 anni, GPL per tutti

 

Quello che fa la differenza fra un’azienda e l’altra, nel settore petrolifero è la qualità del servizio reso al cliente. In questo senso, il punto di forza di Vulcangas è la garanzia assoluta di continuità nell’erogazione del servizio, fornito con mezzi sempre a disposizione ed una distribuzione capillare su gran parte del territorio nazionale.

La Società vanta una fitta rete di depositi, tecnologicamente avanzati e strategicamente dislocati tra Piemonte, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Abruzzo, e Molise che consentono un’efficienza e una tempestività nella distribuzione del gas quasi uniche nel settore, assicurando la piena e costante disponibilità del prodotto. La distribuzione del gas avviene tramite moderni automezzi e personale altamente specializzato, attento a soddisfare ogni singola esigenza della clientela, garantendo sempre, in ogni luogo e in qualsiasi condizione climatica, un rifornimento sicuro e tempestivo.

Vulcangas è in grado di offrire a privati, aziende e pubbliche amministrazioni ampie scelte di utilizzo di prodotti in concerto alle esigenze della clientela e nel rispetto delle normative vigenti. Si tratta di soluzioni che vanno dalla bombola tradizionale, all’installazione di serbatoi sia esterni che interrati fino alla realizzazione di reti canalizzate urbane in grado di offrire la stessa comodità del gas di città.

Il GPL, oltre ad essere un prodotto energetico conveniente, è ecologico e facile da usare, tanto da poter sostituire ogni altro combustibile. Le sue qualità chimico-fisiche, inoltre, lo rendono facilmente trasportabile in recipienti a pressione e ideale per la produzione di energia nel rigoroso rispetto della natura e della sicurezza. A tutto questo si aggiunge il controllo del prodotto che viene fatto dal personale Vulcangas, molto attento alle esigenze specifiche dei singoli clienti.

Bombole con il tradizionale rubinetto di capacità da 10 a 62 kg, centraline con bombole in batteria per alti consumi, serbatoi esterni e interrati con capacità da 1000 a 13mila litri, reti canalizzate per realtà comunali, condomini, lottizzazioni, per i quali Vulcangas si fa carico della completa gestione della rete, dalla sua progettazione alla realizzazione, dalla gestione dei serbatoi e degli allacci fino al contatore, garantendo un’erogazione continua senza la preoccupazione, da parte dell’utente, di richiedere il rifornimento.

Energia chiavi in mano, quindi, fornita con le garanzie di continuità e soprattutto di esperienza, doti spese anche nelle svariate applicazioni frutto della ricerca aziendale e finalizzate all’incentivazione dell’uso del GPL come combustibile alternativo (auto, barche e persino scooter a gas).

Giacomo Fabbri - Vulcangas - GNL - GPL - rivista platinium aziende e protagonisti - novembre 2005

Vulcangas e Il Porto dei Piccoli, insieme per portare un sorriso ai bambini!

Nel luglio del 2013, il Dott. Giacomo Fabbri ha comunicato la volontà di donare ai bimbi presenti nelle pediatrie di Mantova, Asola,  Pieve di Coriano e al Gaslini di Genova, 200 copie della fiaba realizzata dallo staff del Porto dei Piccoli: “Giorgino e l’ambulatorio sottomarino“, nata dall’omonimo spettacolo teatrale che da quasi dieci anni viene portato in corsia.

Lo staff del Porto dei Piccoli si è impegnato nella distribuzione dei libri a partire da settembre, durante la presenza al Festival della Letteratura di Mantova e ha proseguito sino all’esaurimento delle copie, consegnate nelle diverse strutture nelle quali operano.

Importante lo sforzo profuso nel cercare di raggiungere più bambini possibile con la fiaba, al fine di portare un messaggio positivo di speranza, per non avere più paura di medici, punture e medicine.

Contribuire a ristabilire il benessere psico-fisico del bimbo in cura e della sua famiglia è infatti un servizio che, affiancandosi alle cure mediche, può veramente costituire un reale aiuto alle terapie, regalando giornate di serenità e svago, oltre che a stimolare la parte sana dei piccoli, quella legata al gioco e alla fantasia.